Samuele Bersani: Un periodo pieno di sorprese (testo canzone)

Artista: Samuele Bersani – Album: Manifesto Abusivo (2009) – Canzone: Un periodo pieno di sorprese

Un periodo pieno di sorprese

Comincia a ingiallirsi il nero del livido,
non è più così tanto nitido
e da oggi il dolore ritorna
semplicemente sottocutaneo.
Ho cambiato la scheda al telefono,
ho lavato nel lago lo spirito
e nel farlo il tuo corpo ha finito per essermi estraneo.

E’ un periodo pieno di sorprese
e non si contano più le offese
che per decenza mi rimangerei.
Ma ero stanco di sentirmi come
uno straccio sotto a tuoi piedi,
mi sarebbe esploso il cuore prima o poi.

Alla parte non mi presto del povero Cristo
e perchè mai tu l’hai data a me,
vuoi rispondere perchè
io dove finisco
in quale labirinto
se non c’è
uscita o speranza di evadere.

Continua a ingiallirsi il nero del livido,
non è più di dominio pubblico
e da oggi il ricordo diventa
eternamente contemporaneo.
La vendetta è sevita sul tavolo,
da strapparti dei fili dal cofano,
ma nel farlo il piacere sarà
quello si momentaneo.

E’ un periodo pieno di sorprese,
in sottofondo a queste imprese
la musica pian piano salirà.
Voglio prendermi un registratore,
per tenerci dentro le parole
di quel proverbio che mi servirà.

Alla parte non mi presto
di chi è crocifisso
e perché mai tu l’hai data a me,
vuoi rispondermi perchè
io dove finisco,
in quale meccanismo
se non c’è
uscita o speranza
non c’è
nessuna certezza di evadere.

Alla parte non mi presto del povero Cristo
e perchè mai tu l’hai data a me,
vuoi rispondere perchè
io dove finisco,
in quale labirinto
se non c’è
uscita o speranza,
non c’è
nessuna certezza di evadere.

Video

Lascia un commento