Baustelle: Biografia e Discografia

Baustelle

Baustelle (parola tedesca da pronunciare in assoluta libertà) è un gruppo nato a Montepulciano, provincia di Siena, nel 1996.

Alcuni demo aprono la strada all’esordio discografico con Sussidiario illustrato della giovinezza, prodotto artisticamente da Amerigo Verardi – eroe di culto del rock/pop nazionale già dagli anni ‘80 – e uscito nel giugno del 2000 per l’etichetta indipendente Baracca e Burattini. Il CD incuriosisce pubblico e addetti ai lavori per la personalità messa in luce nell’amalgamare la miglior canzone d’autore italiana e francese, la new wave, l’elettronica vintage, la bossa nova, le colonne sonore degli anni ‘60 e ‘70: non a caso nei referendum dei mensili “Mucchio Selvaggio” e “Musica & Dischi” si impone come “debutto italiano dell’anno”.

Il 23 maggio 2003, autoprodotto in partnership con BMG Edizioni, arriva nei negozi La moda del lento, registrato di nuovo con la collaborazione di Verardi. L’album amplia e perfeziona il discorso espressivo della band e ulteriori consensi sono raccolti grazie al brano “Love Affair”, il cui videoclip – diretto da Lorenzo Vignolo – è programmato frequentemente da MTV. In novembre i Baustelle vengono premiati come “gruppo indipendente dell’anno” dalla giuria di addetti ai lavori del M.E.I. di Faenza, e nella primavera 2004 consolidano la loro posizione nella scena nazionale con il singolo “Arriva lo ye ye”; il suggestivo video è firmato ancora da Vignolo.

Inevitabile, a questo punto, l’interessamento del mondo major: l’accordo siglato con la Atlantic/Warner è suggellato nel settembre del 2005 dal terzo album La malavita, registrato a Torino dallo storico produttore e ingegnere del suono Carlo U. Rossi. Undici manifesti in musica del “male di vivere” dove la tensione rock sposa la grandeur di Phil Spector (in sei pezzi, anche un’orchestra d’archi), Gainsbourg va a braccetto con le colonne sonore dei poliziotteschi, la più nobile canzone italiana incontra la New York dei Television, dei Blondie, dei Ramones.

I singoli “La guerra è finita” e “Un romantico a Milano”, forti degli efficaci clip del solito Lorenzo Vignolo, accrescono enormemente la popolarità dei Baustelle, con vendite tanto rilevanti da fruttare il primo disco d’oro. La malavita è l’ultimo album realizzato con il tastierista e compositore Fabrizio Massara, che aveva fondato la band assieme a Francesco Bianconi.

Il 2007 vede Bianconi affermarsi come autore “conto terzi”: sono sue le parole di “Bruci la città”, singolo con il quale Irene Grandi vince il “Premio Radio” del Festivalbar. In seguito il front-man scriverà per Paola Turci (“La mangiatrice di uomini”, 2009), Noemi (“Per colpa tua”, 2009), Anna Oxa (“La tigre”, 2010) e di nuovo Irene Grandi (“La cometa di Halley”, proposta al Festival di Sanremo 2010).

Anticipato di tre settimane dal vigoroso singolo “Charlie fa surf”, cui si accompagna un video psichedelico diretto da Stefano Poletti e Mauro Pittarello, il 1 febbraio del 2008 vede la luce il quarto album Amen, coprodotto dalla band assieme a Carlo U. Rossi: quindici episodi di notevole varietà e raffinatezza, impreziositi da illustri ospiti (il Maestro Alessandro Alessandroni, Sergio Carnevale, il musicista etiope Mulatu Astatke, Beatrice Antolini e altri), da un’orchestra d’archi e da una sezione fiati; nei testi, i temi personali lasciano spesso spazio a pungenti analisi di carattere sociale.
Mentre Amen marcia verso il disco di platino, il gruppo gira in Sicilia il suo primo documentario legato alla percezione della morte e al terzo singolo “Baudelaire” (il secondo, “Colombo”, si ispirava invece all’omonimo tenente televisivo); importanti anche le presenze al concerto-evento romano del 1 Maggio, all’Heineken Jammin Festival, al “Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber” e all’MTV Day. Il 2008 termina trionfalmente con il ritiro della “Targa Tenco”, sezione “album dell’anno”, assegnato ad “Amen” dalla giuria del Club Tenco.

Nel 2009 è nelle sale cinematografiche Giulia non esce la sera di Giuseppe Piccioni. La colonna sonora è opera dei Baustelle e il brano trainante – “Piangi Roma” – è cantato dalla protagonista Valeria Golino in coppia con Francesco Bianconi.

Il quinto album della band, I mistici dell’Occidente, viene pubblicato nel marzo 2010. Prodotto da Francesco Bianconi assieme a Pat McCarthy, ingegnere del suono irlandese noto per i suoi lavori con R.E.M., U2 e Madonna, è un’altra prova all’insegna di un rock eclettico e ricco di sfumature, la cui vena ora contemplativa e ora più energica – anche per quanto concerne i testi – è bene espressa in pezzi come “Gli spietati” (molto cool il videoclip di Daniele Persica, con la partecipazione di vari attori di grido), “Le rane” e “La canzone della rivoluzione”. Per i toscani è un altro disco d’oro.

I Baustelle chiudono il 2010 con la ristampa rimasterizzata e marchiata Atlantic/Warner del debutto Sussidiario illustrato della giovinezza, la cui edizione originale aveva nel frattempo aveva raggiunto quotazioni da capogiro sul mercato dei collezionisti. Il decennale è festeggiato anche con “Il tour del sussidiario”, serie di esibizioni incentrate sul primo repertorio, e “Il cofanetto illustrato della giovinezza”, box in tiratura limitata – acquistabile presso il sito ufficiale www.baustelle.it – dove l’album è arricchito di contenuti rari e inediti.

I Baustelle sono:
Rachele Bastreghi: voce, synth, piano elettrico, clavinet, organo, percussioni.
Francesco Bianconi: voce, chitarre, synth, organo.
Claudio Brasini: chitarre.

Baustelle: Sito UfficialeWikipedia.

Discografia

Lascia un commento