Enzo Jannacci: El portava i scarp del tennis (testo canzone)

Artista: Enzo Jannacci
Canzone: El portava i scarp del tennis

El portava i scarp del tennis


Che scuse’, ma mi vori cuntav
d’un me amis che l’era anda’ a fa’l bagn
sul stradun per andare all’Idroscalo
l’era lì, e l’amore lo colpì.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
l’era il prim a mena via, perché l’era un barbun.
Un bel dì, che l’era dre’ a parla’
de per lu, l’avea vista passa’
bianca e rossa, che pareva il tricolore
ma po lu, l’è sta bon pu’ de parla’.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva gia’ da tempo un bel sogno d’amore.
El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
l’era il prim a mena via, perche’ l’era un barbon.
(parlato)Un bel di a che’l pover diavul che riva na machina, si,
arriva una machina ven giu’ vun e domanda: “Ohe’!” “A mi?”
Si’, a lu, savaria, savaria no per piasee’ la strada per andare
all’aeroporto Forlanini? “Non conosco l’aeroporto Forlanini”
“L’Idroscalo lo conosce?” “Si, l’Idroscalo lo conosco, al so in
dua l’è l’Idroscalo, l’accompagno io all’Idroscalo però mi fa salir
sulla macchina, e’ forte questa, bella questa macchina, è sua?”
“Sì, lasa sta la machina barbon…”
“La macchina non l’ho mai vista..se mi fa salire sulla macchina
ci dico la strada per andare all’Idroscalo, se no niente…
si fa per dire insomma…Mangiare bere e andare a spasso, questa è la vita”
“Allora la strada per l’Idroscalo?” “Vengo sulla macchina e ce lo dico…
vengo anch’io sulla macchina, non sono mai stato su una macchina,
specie di dietro….poteva farmi salire anche davanti, tanto non
sporcavo mica…sta macchina c’ha tutto, freni, frecce,
anche la marcia indietro? Bene, così siamo a posto…
anche mio cugino Aristide aveva la macchina, ferma però,
gh’è durmiva denter….Aristide…dopo è morto, lui è la macchina,
l’è s’cioppà tutti e du…..ostia Aristide…e rideva semper…
Ferma signore, che sono arrivato” “come arrivato?” “Sono arrivato chi.
(cantato) Un piasee’, ch’el me lasa gio’ chi
che anca mi mi go avu il mio grande amore
roba minima, s’intend, s’intend roba da barbon.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva gia’ da tempo un bel sogno d’amore.
El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
l’era il prim a mena via, perche’ l’era un barbon.
L’an truva’ sota a un muc de carton
l’an guarda’ che ‘l pareva nisun
l’an tuca che ‘l pareva che’l durmiva
lasa sta che l’e’ roba de barbon.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
el purtava i scarp de tennis, perche’ l’era un barbun,
el purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
el purtava i scarp de tennis, perche’ l’era un barbun…

Video

http://www.youtube.com/watch?v=SO_QKksqXdI

Lascia un commento