The Rolling Stones: Exile On Main Street (album)

The Rolling Stones - Exile on main st. - album cover
The Rolling Stones – Exile on main st. – album cover

Artista: Rolling Stones
Album: Exile on Main St. (12 maggio 1972)

Exile on Main St. è un album doppio dei Rolling Stones, uscito il 12 maggio in Inghilterra e il 22 maggio negli USA. L’album è considerato da molti critici la migliore opera dei Rolling Stones. A tal proposito la rivista Rolling Stone lo pone al settimo posto nella classifica dei 500 migliori album di tutti i tempi.

Il titolo dell’album, che in italiano è traducibile come “In esilio sulla strada principale”, allude all’esilio della band dall’Inghilterra a causa di problemi con il fisco con conseguente trasferimento in Francia. Infatti, le registrazioni sono state fatte nella cantina della villa in Francia di Keith Richards. In questo album si instaura un duello tra blues e boogie, tra rumore e silenzio, tra armoniche country e chitarre slide in giubilo. La canzone più famosa è probabilmente Tumbling Dice, ma molto note sono pure Rocks Off, Shine a Light, Sweet Virginia, All Down the Line e Happy. (it-wikipedia, en-wikipedia)

Exile on Main St. – Album Track Listing

Tutte le canzoni sono accreditate a Jagger/Richards, tranne dove indicato.

Lato 1

  1. Rocks Off – 4:32
  2. Rip This Joint – 2:23
  3. Shake Your Hips (Slim Harpo) – 2:59
  4. Casino Boogie – 3:33
  5. Tumbling Dice – 3:45

Lato 2

  1. Sweet Virginia – 4:25
  2. Torn and Frayed – 4:17
  3. Sweet Black Angel – 2:54
  4. Loving Cup – 4:23

Lato 3

  1. Happy – 3:04
  2. Turd on the Run – 2:37
  3. Ventilator Blues (Jagger, Richards, Mick Taylor) – 3:24
  4. I Just Want to See His Face – 2:52
  5. Let It Loose – 5:17

Lato 4

  1. All Down the Line – 3:49
  2. Stop Breaking Down (Robert Johnson) – 4:34
  3. Shine a Light – 4:14
  4. Soul Survivor – 3:49
  5. Stop Breaking Down (Robert Johnson) – 4:34
  6. Shine a Light – 4:14
  7. Soul Survivor – 3:49

Formazione

  • Mick Jagger – voce, percussioni; armonica in Shake Your Hips, Sweet Virginia, Sweet Black Angel, Turd on the Run e Stop Breaking Down, chitarra in Tumbling Dice e Stop Breaking Down
  • Keith Richards – chitarre, voce; basso in Casino Boogie e Soul Survivor, piano in I Just Want to See His Face
  • Mick Taylor – chitarre; basso in Tumbling Dice, Torn and Frayed, I Just Want to See His Face, Stop Breaking Down e Shine a Light
  • Charlie Watts – batteria
  • Bill Wyman – basso

Tutti i Credits su Wikipedia

Recensioni

L’uscita dell’album è stata accolta con recensioni decisamente contrastanti perché ci vuole un po’ per assimilare. Exile on Main St. è generalmente considerato come il miglior album dei Rolling Stones. I capolavori “Rocks Off”, “Tumbling Dice”, “Torn and Frayed”, “Happy” “Let It Loose” e “Shine a Light”, sono tutti fantastici, si fondono insieme, con solo alcuni testi e linee di chitarra che emergono dal tenebre. E’ il tipo di disco che fa presa molto sul primo ascolto, ma ogni successivo ascolto rivela qualcosa di nuovo. (AllMusic)

Un incredibile, esame enciclopedica di American roots music – gospel, folk, country, soul, R & B, boogie-woogie rock ‘n’ roll, è tutto lì – Exile ha segnato la fine di quattro album vena calda degli Stones, uno che comprendeva Beggars Banquet, Let It Bleed e Sticky Fingers. (OK, possiamo chiamarla cinque se si getta nel live album Get Yer di Ya-Ya Out.) (MusicRadar)