Samuele Bersani: Biografia e Discografia

Samuele BersaniSamuele Bersani già da bambino sognava di diventare un cantautore. Però non uno di quelli pallosi che si ripetono con lo stampino. Figlio d’arte, nasce a Rimini il primo ottobre 1970. La casa di Cattolica è una specie di laboratorio di esperienze sonore e già nei suoi primi anni Samuele sviluppa una forte sensibilità per la musica, cominciando a suonare spontaneamente qualunque strumento gli capiti a tiro. Inventa storie, accompagnandosi al pianoforte . Da giovanissimo fonda e abbandona una serie di band della realtà locale.

Il vero debutto artistico risale al 1991. Esordisce “piano e voce” con la canzone “Il Mostro”, all’interno del tour Cambio di Lucio Dalla. E’ una ballata ipnotica, racconta di un mostro peloso e gigante, a sei zampe che viene ucciso in nome della sua diversità. Samuele si trasferisce a Bologna e nel 1992 esce il suo primo album, C’hanno preso tutto, presentato da una canzone-polaroid, Chicco e Spillo, che diventa in poche settimane un “caso radiofonico”, un video riuscitissimo e, a distanza di tempo, un vero e proprio cult. Nel 1994 scrive per Fiorella Mannoia il testo di “Crazy Boy” e nel 1995 esce “Freak”, ritratto semiserio di una generazione neo-hippy (e video girato da Alex Infascelli in India): le copie vendute sono oltre 130.000, 56 sono le settimane consecutive di presenza nella top 100 delle classifiche FIMI Nielsen. Il disco contiene brani di successo come “Spaccacuore”, “Cado giù” e “Cosa vuoi da me” (cover dei Waterboys). Nell’estate del 1997 la partenza del singolo “Coccodrilli” apre la via al terzo cd, che si intitola semplicemente Samuele Bersani e contiene “Giudizi Universali”, ritratto esistenziale che si aggiudica il Premio Lunezia 1998 come miglior testo letterario (la giuria è presieduta dalla scrittrice Fernanda Pivano).
Continua a leggere Samuele Bersani: Biografia e Discografia